PROGETTO CONCILIAZIONE VITA LAVORO - CENTRI ESTIVI 2024

6 Maggio 2024

L’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, ha emanato l’avviso (v. allegato A) contenente i requisiti per poter accedere al sostegno economico previsto dal Progetto Conciliazione vita/lavoro estate 2024  (delibera Regione Emilia-Romagna 365/2024) a favore delle famiglie per l’accesso dei bambini e ragazzi dai 3 ai 13 anni (nati dal 0101/2011 al 31/12/2021)  ai centri estivi onde poter favorire occasioni di socializzazione, di crescita  e contestualmente favorire la conciliazione fra cura e lavoro delle famiglie in questo periodo di sospensione delle lezioni.


Ai fini di favorire la più ampia partecipazione alle opportunità educative estive e di contrastare le disparità nell’accesso, potranno essere ammessi al contributo per l’abbattimento della quota di iscrizione i bambini e i ragazzi con disabilità certificata tra i 3 e 17 anni (nati all’01/01/2007 ed entro il 31/12/2021) indipendentemente dall’attestazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) delle famiglie.

PROGETTO PER IL CONTRASTO ALLE POVERTÀ EDUCATIVE E LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO: SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE PER LA FREQUENZA DI CENTRI ESTIVI ANNO 2024. PR FSE+ PRIORITÀ 3 INCLUSIONE SOCIALE - OBIETTIVO SPECIFICO K - PROGETTO APPROVATO CON DGR 365/2024. Progetto cofinanziato dai Fondi europei della Regione Emilia-Romagna

  • Valore del contributo e Periodo di riferimento

Il contributo alla singola famiglia per ciascun bambino/ragazzo è determinato come contributo per la copertura del costo di iscrizione ed è:

− pari al massimo a 100,00 euro per ciascuna settimana se il costo di iscrizione previsto dal soggetto erogatore, è uguale o superiore a 100,00 euro;

− pari all’effettivo costo di iscrizione per settimana se lo stesso è inferiore a 100,00 euro;

− complessivamente pari ad un massimo di 300,00 euro per ciascun bambino/ragazzo.

Pertanto, dato il contributo massimo erogabile per settimana pari a 100,00 euro e a fronte di un massimo di contributo erogabile per bambino/ragazzo di 300,00 euro, l’eventuale minore spesa sostenuta per ciascuna settimana rispetto al massimale previsto di 100,00 euro potrà consentire:

− l’ampliamento del periodo di frequenza, ovvero del numero di settimane di partecipazione del bambino/ragazzo al centro estivo;

− di contribuire alla parziale riduzione del costo effettivo per la partecipazione ad una eventuale settimana aggiuntiva ancorché le risorse residue, rispetto al contributo massimo di 300,00 euro, permettano solo parzialmente la copertura del costo di iscrizione restando la differenza rispetto al costo di iscrizione non coperto dal contributo pubblico in carico alla famiglia.

Si specifica inoltre che:

− le settimane possono essere anche non consecutive;

− le settimane possono essere fruite anche in centri estivi differenti, anche aventi costi di iscrizione differenti, ricompresi negli elenchi approvati dai Comuni/Unioni di Comuni, anche con sede in altro distretto rispetto a quello di residenza.

In ogni caso il contributo totale non potrà essere superiore al costo settimanale di frequenza previsto dal/dai soggetto/soggetti erogatore/i, fino ai limiti sopra descritti, nel rispetto del limite massimo di € 300,00 per il numero complessivo di settimane frequentate, anche non continuative.

Si specifica che non potrà essere valutato a contributo un tempo di frequenza inferiore ad un'intera settimana, considerato l’effettivo periodo di apertura del centro nell’arco settimanale.

Al fine di consentire il più ampio accesso alle famiglie, si prevede che le stesse potranno accedere al contributo regionale anche nel caso in cui beneficino, per il medesimo servizio, di contributi erogati da altri soggetti pubblici e/o privati nonché di specifiche agevolazioni previste dall’ente locale.

La somma dei contributi per lo stesso servizio, costituita dal contributo di cui al presente piano e di eventuali altri contributi/agevolazioni pubbliche e/o private, non deve essere superiore al costo totale di iscrizione.

L’ammontare che la Regione riconoscerà, in caso di altri contributi, sarà pari al valore risultante dalla differenza dell'effettivo costo di frequenza settimanale e l'importo degli altri contributi ricevuti, fino al massimo del valore previsto a seconda del numero di settimane.

Al fine di verificare quanto sopra descritto é necessario acquisire dichiarazione a firma del genitore (fac simile allegato alla domanda) relativa all’assenza/presenza di altri contributi o, in caso di presenza, il relativo importo.

Il Comune effettuerà controlli a campione sulle dichiarazioni acquisite.

  • Requisiti per beneficiare del contributo
  • Residenza nel Comune Di Varano De' Melegari
  • Età del/dei minore/minori compresa tra i 3 anni e i 13 anni (2011 al 2021).
  • Età del/dei minori compresa tra i 3 e i 17 anni (nati dal 2007 al 2021) esclusivamente per i casi che presentano disabilità certificata ai sensi della L. 104/1992.
  • ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) pari o inferiore a 24.000,00. 

Nessuna attestazione ISEE dovrà essere presentata per la frequenza del minore con

disabilità certificata ai sensi della L. 104/1992. 

 Si specifica che il requisito ISEE potrà essere documentato dall’attestazione ISEE 2024 o, in  alternativa per chi non ne è in possesso, l’ISEE 2023, nonché, nei casi previsti dalle disposizioni vigenti, dall’ISEE corrente. Resta pertanto che nel caso in cui la famiglia sia in possesso della dichiarazione ISEE 2024 NON potrà essere utilizzata la dichiarazione 2023.

L’ISEE richiesto è quello per le prestazioni agevolate rivolte ai minorenni (coincidente con l’ISEE ordinario qualora il nucleo familiare non si trovi nelle casistiche disciplinate dall’art. 7 del DPCM 159/13).

  • Nuclei familiari da intendersi anche quali famiglie affidatarie e nuclei monogenitoriali, in cui:
  • entrambi i genitori siano occupati ovvero siano lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati,
  • uno o entrambi i genitori siano fruitori di ammortizzatori sociali
  • uno o entrambi i genitori, siano disoccupati e abbiano sottoscritto un Patto di servizio quale misura di politica attiva del lavoro;
  • anche solo uno dei due genitori rientri nelle fattispecie di cui sopra, se l’altro genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti il nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza, come definiti ai fini ISEE. Per tale condizione è richiesta la presentazione di documentazione attestante l’invalidità o la nonautosufficienza.

Si precisa, infine, che le famiglie dovranno essere residenti in regione e dovranno presentare la domanda unicamente al Comune di residenza indipendentemente dal Comune/Distretto nel quale ha

sede il centro estivo scelto.

I requisiti sopra richiamati dovranno essere posseduti all'atto della presentazione della domanda.

Inoltre per beneficiare del contributo è necessaria:

-     Iscrizione ad un Centro Estivo fra quelli contenuti nell’elenco dei Soggetti gestori individuati dai Comuni del Distretto Valli Taro e Ceno con specifico Avviso pubblico, elenco che verrà pubblicato contestualmente al presente Bando, di cui è parte integrante e/o

  • Iscrizione ad un Centro Estivo di un altro Comune/Distretto della Regione Emilia-Romagna che ha aderito al sopra citato “Progetto per la conciliazione vita-lavoro”.
  • Termini e modalità presentazione delle domande

Le famiglie interessate possono presentare domanda dal 3 maggio 2024 al 25 maggio 2024 entro non oltre le ore 12.00, utilizzando il modulo All. B reperibile sul sito istituzionale del Comune Varano De’ Melegari e disponibile presso l'Ufficio Scuola del Comune.

Le domande dovranno essere mandate via pec al seguente indirizzo email protocollo@postacert.comune.varano-demelegari.pr.it oppure consegnate a mano in Comune all’Ufficio Scuola.

In aggiunta alla documentazione degli anni precedenti (quindi Domanda Famiglie Allegato B, e Dichiarazione Altri Contributi Allegato C) quest'anno la domanda prevede due nuovi allegati entrambi obbligatori:

-la Scheda Informativa FSE PLUS + (trasmessa dalla Regione Emilia Romagna) che allegato al presente atto ne forma parte integrante e sostanziale (All. D);

-tracciato anagrafico del minore – titolo di studio e tipo di svantaggio da presentare in caso di ammissione al contributo che allegato al presente atto ne forma parte integrante e sostanziale (All. E) 

Non verranno tenute in considerazione le domande pervenute oltre il termine delle ore 12 del giorno 25 maggio 2024.

Per maggiori dettagli si chiede cortesemente di leggere l'allegato A in cui viene specificato tutto in maniera approfondita.

  • Modalità di erogazione del contributo

Premesso che la famiglia dovrà versare al Centro Estivo la retta completa e riceverà successivamente il rimborso con il contributo nei limiti di quanto specificato dal presente avviso.

Ai fini dell'erogazione del contributo per ciascun minore ammesso, la famiglia dovrà presentare entro il giorno 08 settembre 2024 mediante posta elettronica o consegna direttamente a mano al Comune di Varano De’ Melegari all’Ufficio Scuola la seguente documentazione:

-  ricevuta di pagamento della retta di frequenza rilasciata alla famiglia dal soggetto gestore del centro estivo e contenente obbligatoriamente i seguenti elementi

  1. l’intestazione dell’associazione/ente completa con codice fiscale;
  2. la numerazione progressiva obbligatoria;
  3. la data di emissione della ricevuta;
  4. il nome e cognome del genitore che deve corrispondere a quello che ha richiesto il contributo;
  5. il nome e cognome e codice fiscale del minore per il quale è stato richiesto il contributo;
  6. somma in cifre e in lettere;
  7. motivazione o causale, con indicazione del periodo (settimana dal … al...), il tempo di frequenza (parziale o pieno);
  8. firma del legale rappresentante e timbro del centro estivo per ricevuta;

-  autocertificazione del genitore relativa all’assenza/presenza di altri contributi pubblici e/o privati per la frequenza di centri estivi e la documentazione comprovante l’assegnazione e quantificazione dell’eventuale importo percepito. 
-  lo stato occupazione di entrambi i genitori riferita al periodo di domanda del contributo: mediante dichiarazione del datore di lavoro o presentando la busta paga, autodichiarazioni se liberi professionisti/lavoratori autonomi.

ALLEGATI

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2024, 10:9

Quanto sono chiare le informazioni
su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
back to top
page execution: 0,6875 sec